Biografia

Maurizio Petrelli

Biografia

La carriera musicale di Maurizio Petrelli parte nei primi anni ’60.
Inizialmente impara a suonare da autodidatta la batteria, anni dopo studia il pianoforte con il M° Laurentaci e prende lezioni di canto.
Negli anni ’70 comincia ad esibirsi sulle piazze del Salento con varie formazioni giovanili.
Il primo contratto professionale viene firmato alla giovane età di 19 anni con l’importante impresario Bentivoglio di Firenze e nell’estate del 1974 inizia a condividere il palco con il Southern Trio di Claudio Preite.
Dopo la sue numerose esibizioni, nel 1980 cambia strumento ed esordisce come cantante solista, accompagnandosi al pianoforte.
Nel 1983 fa parte della tournée nazionale della cantante Viola Valentino come band spalla.
Nel 1984, insieme al sassofonista Gigi Galante, parte in tour in Estremo Oriente e Isole Maldive e in seguito sulle navi da crociera della Costa.
Tornato da questa esperienza inizia la sua attività musicale con la Spaghetti gang, band composta da una sezione di fiati che per tre anni, dal 1985 al 1988, fa SOLD OUT tutte le sere al Bagno Marino Archi di Santa Cesarea Terme.
Sciolta questa formazione, nel 1993 fonda i Soul Brothers, dando un’impronta vocata al Blues e “R&B”.
Anni dopo nasce il primo live di Supercovers e con questa formazione si esibisce per venti anni, raccogliendo soddisfazioni e concerti in tutta Italia e all’estero.
Negli anni 2000 comincia la collaborazione con il trombettista Guido Pistocchi che culmina con un grande concerto il 31.12.2002 nella Salle des étoiles dello Sporting club di Montecarlo.
In quel periodo nasce l’idea di organizzare una formazione orchestrale come le Big Band americane: parte così il progetto Grande Salento Orchestra, composta da musicisti diplomati al Conservatorio di Lecce e diretta prima dal M° Della Gatta ed in seguito dal M° Toma.
Questo progetto musicale ha un notevole successo e si concretizza nel 2010 con la pubblicazione del disco Pugliamerica a/r, prodotto per l’etichetta Dodicilune, originale percorso musicale in chiave swing che ripercorre i brani di Frank Sinatra, arrivando anche a toccare le composizioni più suggestive di Domenico Modugno.
Nel 2015 pubblica il suo secondo album Amori e altre storie, per l’etichetta Alfa Music, contenente suoi brani inediti.
I pezzi sono eseguiti con una big band e sono realizzati grazie agli arrangiamenti di Franco Piana e Vincenzo Presta. Dal lavoro emerge una notevole varietà di registri espressivi, dal monologo dichiaratamente intimista al dialogo con interlocutori veri o immaginari, dal bozzetto ironico al ritratto amaro. Nel 2018, sempre perAlfa Music, esce Scatole di vetro, il terzo lavoro discografico di canzoni inedite.
L’album – continuazione ideale del precedente –è arrangiato da Franco Piana e Vincenzo Presta, che arricchiscono con maestria i testi di Petrelli.
I temi che Petrelli propone disegnano un universo espressivo variegato, ora incline all’intimismo, ora attento all’ambito sociale della contemporaneità. Una parte del disco è dedicata a Nicola Arigliano, con un omaggio ai suoi motivi più famosi e una rilettura di Colpevole (AlfaMusic, Nun, Raitrade).
Nel luglio del 2019 prende parte alla Compilation Cockatail Italiano 2 del produttore Papik (Nerio Poggi), cantando il brano Averti Addosso di Gino Paoli.
Nel 2020 il percorso artistico di Petrelli continua a cavalcare i grandi palchi col nuovo spettacolo “Go swing go!”, progetto con il quale si ricostituisce, a distanza di alcuni anni, il binomio Guido Pistocchi-Maurizio Petrelli a cui si aggiunge la maestria di Matteo Franza Sextet che costituisce la base solida e creativa di ogni esecuzione.
Lo spettacolo è caratterizzato da momenti diversi che partano dall’omaggio a Modugno e Arigliano e arrivano alle produzioni di Maurizio Petrelli, ripercorrendo così le canzoni dei sui tre album.
Lo spettacolo si arricchisce con la presenza dal trombettista Guido Pistocchi che, con le sue spettacolari performance e la poetica musicale di Louis Armstrong, crea atmosfere dense di suggestioni.
Maurizio Petrelli vanta numerose collaborazioni artistiche con noti jazzisti e cantanti italiani quali Enrico Intra, Guido PistocchiTia Architto, Gegè Telesforo, Papik ed altri.